In offerta!

Olea D3 Plus

(1 recensione del cliente)

23,30 20,97

Olea D3 Plus è un integratore a base di estratti vegetali e Vitamina D3. La Vitamina D3 contribuisce alla normale funzione del sistema immunitariointerviene nel processo di divisione delle cellule, contribuisce al normale assorbimento/utilizzo del calcio e del fosforo, a mantenere livelli normali di calcio nel sangue, al mantenimento di ossa normali e al mantenimento della normale funzione muscolare.

Categoria:

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

  1. Claudia Contavalli (proprietario verificato)

    Li ho trovati deliziosi.

Olio extravergine di oliva BIO (Olea Europea L.) frutti 30 mg, Vitamina D3 pura (Colecalciferolo) 50 µg (2000 UI = 1000% VNR).

CONSIGLI D’USO: si consiglia l’assunzione di 1 goccia una volta al giorno, o come consigliato dal medico, sotto la lingua.

AVVERTENZE: Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni. Non superare la dose giornaliera consigliata. Il prodotto va utilizzato nell’ambito di una dieta variata ed equilibrata ed uno stile di vita sano.

NOTEASSIMILAZIONE: Fortemente liposolubile, viene assorbita a livello duodenale e digiunale. La formulazione di Olea D3, utilizzando olio di oliva extravergine, permette un massimale assorbimento. Con un dosaggio di 10.000 U.I. al giorno, corrispondente a 5 gocce, somministrata durante il pranzo si possono ottenere aumenti di livelli sierici da 20ng/ml a 80 ng/ml in 3 mesi (dall’esperienza clinica). Il Colecalciferolo ha un’emivita di 12-18 giorni, mentre l’1-25(OH)2 colecalciferolo ha un’emivita brevissima e non viene depositato nei tessuti. Il processo della 1α-idrossilazione è limitato, ma ciò ci garantisce una protezione da una eventuale intossicazione.
TOSSICITÀ: Estremamente rara, solo per livelli superiori a 200 ng/ml per lunghi periodi.
AZIONI: La vitamina D è un ormone che interagisce con tutte le cellule che presentano sulla loro membrana il recettore specifico denominato VDR. Questi recettori si trovano in molti tessuti sui quali la vitamina D agisce come regolatore metabolico o come stimolante la riparazione in casi di infiammazione (vedi figura 1).
I VDR sono presenti su tutte le popolazioni linfocitarie dove la vitamina D esplica una importante regolazione del sistema immunitario. Infatti:
1. ha un ruolo fondamentale nella iniziale risposta immunitaria non-specifica verso organismi patogeni o danni tissutali;
2. nelle cellule di Langerhans della cute (cellule dendritiche), la Vit. D attenua la presentazione dell’antigene al linfocita T;
3. promuove la differenziazione dei linfociti T verso il Th2 piuttosto che il Th1 con conseguente minor danno tessutale dato dalla risposta immune Th1;
4. regola i linfociti Th17 e quindi la loro produzione dI IL17 che è fondamentale per ridurre l’infiammazione e il danno tessutale nella malattia autoimmunitaria;
5. stimola la generazione dei linfociti T-regolatori che producono l’IL10, che porta a effetti benefici nell’autoimmunità e nel rigetto dei trapianti.
La vitamina D è indicata nel trattamento della carenza di vitamina D e calcio (vedi figura).

BIBLIOGRAFIA:
1. Association between vitamin D receptor gene polymorphisms and breast cancer in a Chinese population. Bingjun Guo, Xin Jiang, Xiaoqiao Hu, Fan Li, and Xiaopin Chen. Int J Clin Exp Med. 2015; 8(5): 8020–8024.Published online 2015 May 15. PMCID: PMC4509310
2. Vitamin D receptor gene polymorphisms and the risk for female reproductive cancers: A meta-analysis.) Mun M, Kim TH, Hwang JY, Jang WC. Maturitas. 2015 Jun;81(2):256-65. doi: 10.1016/j.maturitas.2015.03.010. Epub 2015 Mar 21.
3. A phase I/II dose-escalation trial of vitamin D3 and calcium in multiple sclerosis. J.M. Burton, MD, MSc, FRCPC, S. Kimball, MSc, MLT, R. Vieth, PhD, A. Bar-Or, MD, MSc, FRCPC, H.-M. Dosch, MD, PhD, R. Cheung, MSc, D. Gagne, C. D’Souza, PhD, M. Ursell, MS, MSc, FRCPC, and P. O’Connor, MS, MSc, FRCPC. Neurology. 2010 Jun 8; 74(23): 1852–1859.doi:  10.1212/WNL.0b013e3181e1cec2)
4. Clinical implications of a possible role of vitamin D in multiple sclerosis. Charles Pierrot-Deseilligny. Published online 2009 Apr 28. doi: 10.1007/s00415-009-5139-x
5. Nontoxic cases of vitamin d toxicity. Chakraborty, Sarkar , Bhattacharya , Krishnan , Chakraborty. Lab Med. 2015 Spring;46(2):146-9. doi: 10.1309/LM5URN1QIR7QBLXK.
6. Journal of Endocrinology & Methabolism: Evaluation, treatment and prevention of Vitamin D deficiency: An Endocrine Society Clinical Practice Guideline (July 2011, 96(7):1911-1930)